Main Sponsor

VCDF 2017: Gran finale con record di partecipanti

 

Gran finale con premiazioni nello stupendo scenario di Villa Monte Morone a Malnate: va in archivio la 26. Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori. Trionfo di Pirri-Ciatti con i crono meccanici e di Boracco-Bossi con gli elettronici. Ben 117 auto storiche al via, bagno di folla lungo i 220 km con 65 prove crono. Successo del match race sia dei concorsi d'eleganza a Porto Ceresio e Varese come pure dei pit stop con degustazioni a Cadrezzate e al centro commerciale Belforte.

Dopo 65 prove cronometrate la 26. Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori 2017 si conclude con la vittoria assoluta di Roberto Boracco con la moglie Angela Bossi di Morosolo di Casciago su Porsche 911 Targa del 1973 n.75, tra coloro che hanno utilizzato cronometri elettronici, mentre lo scettro del vincitore assoluto, tra coloro che erano dotati di cronometri meccanici - i cosiddetti cipollotti - va all'equipaggio di Rieti formato da Alberto Pirri e ad Annalisa Ciatti su Lancia Fulvia Coupé 1200 Rallye del 1969. Essendo valida per due importanti campionati, ora la Coppa dei Tre Laghi permette a Pirri di allungare sui rivali nel tricolore ASI crono meccanici e consente a Boracco di guadagnare ancora maggior vantaggio sui rivali nel Criterium multiregionale "Dagli Appennini alle Alpi".

Gioia piena degli organizzatori del Club Varese Auto Moto Storiche e dei responsabili sportivi e di segreteria Gleo: ben 117 auto storiche hanno partecipato ad un evento articolatosi su 220 km. con 65 prove cronometrate lungo valli e laghi più scenografici del Varesotto. Riuscitissimo sia il match race del sabato sera nel centro storico di Varese sia i due concorsi d'eleganza a Porto Ceresio e a Varese-Via Sacco, oltre ai graditissimi pause/degustazioni svoltesi a Cadrezzate, Porto Ceresio e al centro commerciale Belforte.

Totalizzando 403,09 penalità, Boracco - portacolori Squadra Corse del club Vams di Varese - ha colto un fantastico trionfo, precedendo i genovesi Arturo Bottaro con Pietro Di Meo su Porsche 356 coupé del 1955 e Maurizio Magnoni con Marisa Vanoni di Golasecca su Triumph TR3 A del 1960. Magnoni era in testa dopo le prime venti prove poi Boracco ha operato il forcing ed il sorpasso è avvenuto dopo le prove di Sette Termini e Ardena. Per Boracco è la seconda vittoria assoluta in dieci anni di regolarità: prima d'ora aveva vinto a Cuneo, nel 2016.

Dal canto suo, il reatino Pirri ha preceduto validi avversari dotati di crono manuali: innanzitutto il secondo classificato è di Porto Ceresio, si tratta di Franco Vitella con Cristina Cassina su Austin Healey Frog Eyes mentre i terzi classificati sono risultati Silvio e Giorgia Trombetta di Roma , su Porsche 912 del 1967. Quarti sono risultati i carnaghesi Enrico ed Ilaria Bassani (Giulietta Spider '61) che hanno preceduto Marcello e Vittorio Gobessi di Cantello su Fiat 124 Spider abarth. A loro è andato il Trofeo Paglini Renault Store. Con le auto anteguerra il migliore è risultato lo svizzero Simon Muller con Denise Furrer sulla sontuosa Jaguar SS100 del 1938: a loro il Trofeo Fineco Bank che prevedeva anche altri valenti equipaggi da podio: secondo Riccardo Aspesi con Giulia Ventimiglia su Lancia Augusta GS Ghia del 1935 mentre terzi Jorg e Astrid Joos su un'auto da gran premio, la MG Magna del 1936. Trofeo La Prealpina ha premiato le migliori Scuderie: qui la vittoria corale è andata alla Squadra Corse Vams di Varese (grazie a Boracco, Magnoni e Carusoli) che ha preceduto il club Club Cmae di Milano (grazie a Leva, Giugni e Guffanti), mentre al terzo posto ha chiuso il club Orobico (piloti migliori qui sono stati Bossi, Guaita e Marchesi). La Coppa delle Dame ha visto la vittoria della legnanese Himara Bottini in coppia con la vicentina Rosemary Boscardin su Triumph TR3 '56; nel Trofeo Lake hanno preceduto Alexia Giugni con Karen Grammi su Porsche 356 A; terze Daniela e Milena Guaita su Lancia Appia terza serie che hanno preceduto Maria Marchesi e Maria Salvi su Lancia Flavia Convertibile del 1964.

Da sottolineare che le vincitrici della Coppa delle Dame, Himara Bottini con Rosemary Boscardin su Triumph TR3 si sono aggiudicate l'assoluta cono elettronici del Trofeo Bellardi, appendice finale di gara disputata in cinque prove impervie e difficili all'interno della tenmuta di Villa Monte Morone: vittoria con i crono meccanici di Enrico e Ilaria Bassani su Giulietta Spider.

Nel corso della serata di sabato, di fronte a Palazzo Estense, si è tenuto il Match Race ad eliminazione: anche qui con i crono elettronici ha prevalso Robi Boracco (Porsche) davanti a Maurizio Causo (Lancia) e Himara Bottini (Triumph), mentre tra i crono manuali è stato Alberto Pirri (Lancia) ad avere la meglio su Enrico Bassani (Alfa Romeo).

VCDF 2017: chiuse in anticipo le iscrizioni con record di partecipanti

Chiuse anzitempo le iscrizioni. Con 111 equipaggi, è tutto esaurito alla 26. Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori (1°-2 luglio), valevole per tricolore ASI e Criterium "Dagli Appennini alle Alpi". Stupisce l'alto livello qualitativo delle auto presenti.

Era impossibile che qualcuno, a livello nazionale, potesse prevedere che la XXVI Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori di auto storiche stabilisse il record di partecipazioni. Invece oggi gli organizzatori varesini del club Varese Auto Moto Storiche federato ASI dal 2007 e la segreteria sportiva Gleo hanno dovuto chiudere la lista degli iscritti per poter assicurare la miglior accoglienza agli ospiti, provenienti da dodici regioni d'Italia e dall'estero. Sabato 1° e domenica 2 luglio saranno ben 111 gli equipaggi che prenderanno il via nella gara Tricolore Asi, abbinata alla quinta delle nove tappe del Criterium multiregionale "Dagli Appennini alle Alpi".

Alto il livello qualitativo delle auto storiche presenti, dagli anni Trenta fino alle "youngtimer": dalle marche italiane Lancia (compie 110 anni), Ferrari (compie 70 anni), Alfa Romeo, Autobianchi, Abarth e Siata alle inglesi Jaguar, Rolls Royce, Triumph, MG, Morgan, Austin Healey Sunbeam, oltre a tedesche Porsche, Mercedes e Volkswagen, svedese Volvo, francese Citroen, americana Chevrolet. Alla classifica assoluta concorreranno solo le auto fino al 1976, divise in due gruppi: equipaggi con crono meccanici e con crono elettronici. Con una gradita novità regolamentare: ogni equipaggio ha la possibilità di cancellare il peggior risultato nelle prove crono delle due tappe (fino a 299 penalità).

Tre le sezioni dell'evento: la competizione di 220 km. con 65 prove d'abilità al centesimo di secondo, il tributo a Porsche con venti equipaggi che anticipa le celebrazioni per i 70 anni della Casa di Stoccarda e la passerella finale "turistica" per auto d'epoca ed "instant classic". Confermati i due concorsi d'eleganza a Porto Ceresio e a Varese-via Sacco nel pomeriggio di sabato e le due pause "pit stop" per gli equipaggi, attesi a Cadrezzate nel primo pomeriggio di sabato prossimo e al Centro Commerciale Belforte nella tarda mattinaya di domenica.

"Siamo felici che specialisti di tutt'Italia e dall'estero con cronometri meccanici ed elettronici abbiano scelto di gareggiare a Varese nel primo weekend di luglio - ha precisato Roberto Crugnola che cura segreteria organizzativa, logistica e sezione sportiva dell'evento -. Numerose altre gare in Piemonte, Lombardia e Val d'Aosta non hanno superato i 60 iscritti: Varese, la sua provincia e l'evento delle auto storiche sono attrazioni irrinunciabili".

Tra breve verrà diffuso l'elenco degli equipaggi iscritti. E' stato pubblicato sul sito dell'evento il roadbook. Confermate le punzonature venerdì 30 giugno (ore 17-22) e sabato 1° luglio (ore 8.30-11.30) , con partenza da piazza Monte Grappa a Varese alle ore 12.30 di sabato 1° luglio. Confermato il match race sabato sera nel centro storico della Città giardino, dalle ore 20 alle 23. Seconda tappa domenica 2 luglio con partenza da Piazza Repubblica a Varese, percorso scorrevole tra laghi e valle Olona e gran finale nello scenario bucolico di Villa Monte Morone a Malnate. Qui pranzo di gala e premiazioni assolute e delle classi speciali.

VCDF 2017: adesioni ancora aperte

°Adesioni ancora aperte alla  26° Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori (1°-2 luglio), gara di regolarità con due sezioni, crono meccanici e elettronici, valevole per il Tricolore ASI. Tra le novità concorsi d'eleganza a Porto Ceresio e Via Sacco a Varese. Una settantina gli equipaggi iscritti; confermato il Match race serale con iniziative aperte a tutti.

 

L'arte del Settecento italiano di cui è intriso il Salone Estense - sede del Comune di Varese - fa da scenario alla presentazione della 26. Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori: l'evento di regolarità per auto storiche - con Porsche tributo in apertura e sezione Turistica in appendice - è di scena sabato 1° luglio e domenica 2 luglio 2017 ed è organizzato dal Club Varese Auto Moto Storiche federato ASI dal 2007 con segreteria e gestione sportiva affidata all'agenzia varesina Gleo. Sostengono la rievocazione - che si articola su un percorso di 220 km alla media dei 30 orari, punteggiato da 60 prove cronometrate - Enti patrocinatori quali Comune di Varese, Regione Lombardia, Camera di Commercio Varese e Varese Sport Commission.

GARA APERTA SIA AI CRONO MECCANICI SIA ELETTRONICI. PORSCHE TRIBUTE - Le iscrizioni hanno superato quota settanta equipaggi e si chiuderanno il 20 giugno. Sono tanti i pretendenti al successo nella gara di regolarità che si articola su 65 prove, aperta ad equipaggi che si avvalgono sia di crono meccanici sia di strumentazioni di tipo elettronico, con due differenti classifiche. L'evento varesino è valevole per il Tricolore ASI 2017 e per il Criterium multiregionale "Dagli Appennini alle Alpi" che comprende nove gare di regolarità a Bergamo, Pavia, Parma, Aosta, Como, Gallarate/Malpensa, ecc. Concorrono alla vittoria equipaggi con auto storiche fino al 1970, con partecipazione di esemplari fino al 1976 accettati dagli organizzatori varesini. Al via, nella sezione turistica, auto costruite fino al 1997, oltre alle "Instant Classic" (auto dal 1998 ad oggi di particolare interesse). Numerose le Porsche 356 e 911 al tributo che quest'anno viene dedicato alla Casa di Stoccarda: le sportive tedesche, storiche e moderne, animano la passerella che valorizza coupé e spider in sinergia con RIP, Registro Italiano Porsche 911/912. 

DALL'ABARTH ALLA STRATOS, OLTRE A AUSTIN HEALEY, JAGUAR, LANCIA, MG, MERCEDES, TRIUMPH. - Coupé, berline, spider, barchette, dagli anni Trenta agli anni Settanta: all'evento del 1° e 2 luglio, con le iscrizioni aperte, l'evento vanta un ventaglio iscritti ampio e diversificato, con eccellenze di alta caratura. Come Lancia Augusta GS Ghia del 1935, MG Magna del 1936, Jaguar SS100 del 1938, quindi Lancia Aurelia B10, Siata Daina Gran Sport del 1952, Abarth Zagato 750 GT e MG A Coupé del 1957, Mercedes 190 SL, Triumph Tr2, Tr3 e Tr4.

Il ventennio '60/'70, caratterizzato da una notevole sviluppo di meccanica e carrozzerie, è molto ben rappresentato: si va dalla Austin Healey Frog Eyes alla Lancia Stratos motore Ferrari, oltre alla Jaguar E-Type, Alfa Romeo Giulietta Sprint, Alfetta GT e GT Junior, Lancia Fulvia e Beta coupé, Fiat 124 Spider Abarth, Porsche 911, 912 e 914, ecc.  Se tra le Turistiche si va dalla Fiat Topolino A del '48 fino alla Bmw Z1 '90, al Tributo Porsche hanno aderito una decina di equipaggi con esemplari di alta caratura. Dalla 356 pre A anni '50 alle 924 Turbo anni '70, dalle 911 Carrera motore aspirato alle 911 Turbo Cabrio anni '80 e ad una moderna Boxster, con una stella di Stoccarda che compie gli anni: è la 928 otto cilindri, alla quale tutti soffiano sulle 40 simboliche candeline.

EVENTI COLLATERALI A PORTO CERESIO, CADREZZATE E IN VIA SACCO A VARESE - La strategia vincente del Club Auto Moto Storiche Varese è quella di articolare un percorso che sia condiviso e ben accolto dagli Enti locali, stimolando la realizzazione di eventi collaterali alla Varese-Campo dei Fiori. L'edizione 2017, oltre a confermare l'accoglienza a Cadrezzate (il Comune e Cadrezzate nel cuore sono enti patrocinatori) nello scenario del lago di Monate, propone la passerella con concorso d'eleganza sul lungolago di Porto Ceresio (qui il Comune di Porto Ceresio è tra i patrocinatori) che precederà di poche ore un altro concorso che premia stile e contenuti da parte di una giuria qualificata, coordinata dall'Associazione Commercianti di Via Sacco/via Robbioni a Varese, poco prima del tradizionale Match race nella serata di sabato. Qui musica, accoglienza e test drive con le moderne Renault Paglini fanno da contorno ad una serata di attrattiva popolare dove il quotidiano La Prealpina, media partner dell'evento, suscita interesse tra i lettori, invitandoli a partecipare al Match Race gratuito che premierà i migliori piloti di precisione, con abbonamenti all'edizione cartacea ed online del quotidiano. Obiettivo è far segnare il miglior tempo sul giro con precisione al centesimo di secondo, avvicinandosi il più possibile al tempo fissato, percorrendo a 30 orari un itinerario punteggiato da birilli e pressostati.

UN OCCHIO ALLA STORIA DELLA VARESE-CAMPO DEI FIORI VELOCISTICA...

 Sono tanti i motivi d'interesse della rievocazione storica di una Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori che, in versione velocistica, si è disputata dal 1931 al 1960 in dieci edizioni, cinque prima e cinque dopo la seconda guerra mondiale. Novant'anni fa nasce Mille Miglia - la corsa automobilistica più celebre al mondo - e validi piloti protagonisti della Freccia Rossa lo sono stati della cronoscalata varesina. Due esempi su tutti sono quelli del lodigiano Eugenio Castellotti che, su Ferrari 290 MM, vinse nel 1956 la Mille Miglia e tre anni prima conquistò la Varese-Campo dei Fiori 1953 su Ferrari 225 S precedendo di un solo decimo Franco Bordoni su Gordini 2300.

E che dire del più talentuoso pilota del Varesotto specialista nella velocità in salita? E' il bustocco Edoardo Lualdi Gabardi, oggi 86.enne, che esordì nella Mille Miglia del 1950 al volante di Fiat Topolino, giungendo 40.esimo su 120 partiti. Per lui le porte della vittoria nelle cronoscalate si spalancarono per ben 84 volte e per quattro volte su cinque edizioni del dopoguerra fu protagonista dell'amata Varese-Campo dei Fiori. Purtroppo non vinse mai: nel '60 giunse secondo su Ferrari 250 GT, nel 1958 e 1953 quinto su Ferrari 250 e 166 MM, nel 1951 terzo su Dagrada 750 Sport.

...UN ALTRO ALL'ATTUALITA' DELLA COPPA DEI TRE LAGHI REGOLARISTICA.

Vincere la rievocazione storica di Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori dona notevole notorietà sia per il carico di storia che la gara di regolarità porta con sé, sia per la difficoltà a svettare dopo aver affrontato 60 prove crono lungo i 220 km tra valli, laghi e alture del Varesotto, alla media dei 30 orari. L'abilità è transitare sui pressostati - tubi di gomma sensibili e collegati ai rilevatori elettronici dei Cronometristi - con precisione al centesimo di secondo, non subendo penalità ai controlli orario. Vince la sintonia tra pilota e navigatore, si esalta la caratura storica delle automobili e la loro affidabilità, giacché ad ogni auto verrà applicato un coefficiente di moltiplicazione dei punteggi in base all'anno di costruzione delle vetture. Più l'automobile è antica e più verrà valorizzata.

Nelle giornate di Giovedì 29, Venerdì 30 e Sabato 1° luglio (mattina), in Piazza Podestà a Varese, l'evento prende quota con un incontro con gli appassionati da parte di organizzatori, patrocinatori e sponsor. Alla presenza di autostoriche e moderne del main sponsor Renault Paglini e di un hospitality di Fineco Bank, il media partner quotidiano La Prealpina promuoverà l'evento donando programma ed elenco iscritti in un inserto a colori e raccogliendo adesioni al match race gratuito aperto ai lettori, che sarà di scena sabato 1° luglio, dalle ore 20 alle 21.30, prima del Match Race competitivo in Via Sacco a Varese, di fronte a Palazzo Estense.

Venerdì 30 giugno, ore 17-22, e sabato 1° luglio, ore 8.30-11.30, si svolgono le punzonature in piazza Monte Grappa 5 a Varese. Poi le auto si posizionano in Corso Matteotti e nelle vie del centro storico ed attendono la partenza alle ore 12.30. Due le tappe: nel pomeriggio di sabato 1° luglio e la mattina di domenica 2 luglio 2017.

Tra le novità di spicco, oltre allo svolgimento di due concorsi d'eleganza a Porto Ceresio e a Varese-Via Sacco, la disputa dei Match Race del sabato sera: si avranno due vincitori, uno con cronometraggio manuale ed uno elettronico. La superfinale avrà una sorpresa che verrà svelata nel corso della serata del match race.

Nuova location per il galà di premiazione è Villa Monte Morone di Malnate, struttura ricca di storia, inserita in un ampio parco secolare che verrà valorizzata con visite guidate.

 

www.varesecampodeifiori.com - MAIL: coppadeitrelaghi@varesecampodeifiori.com - www.automotostorichevarese.com

Contatto segreteria : tel. 0332-813.205 / fax 0332-431.271 / cel. 335-457.374

Ufficio stampa: tel. 335-6668400

VCDF 2017: si stanno per chiudere le iscrizioni

Si stanno per chiudere le adesioni alla 26° Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori (1°-2 luglio) e stupisce l'alto livello qualitativo delle auto presenti sin qui iscritte.

Montepremi ricco grazie a Digitech, TD Group Karcher, La Prealpina e 'L4K3'

 

Barchette, coupé, spider, berline, auto da gran premio e di durata e persino le antenate delle city car. A poche ore dalla chiusura iscrizioni, la 26. Coppa dei Tre Laghi e Varese-Campo dei Fiori stupisce per qualità delle ottanta auto presenti. Ma ancora non si può delineare un bilancio definitivo. L'evento di regolarità - con Porsche tributo in apertura e sezione Turistica in appendice - è di scena sabato 1° luglio e domenica 2 luglio 2017 ed è organizzato dal Club Varese Auto Moto Storiche federato ASI dal 2007 con segreteria e gestione sportiva di Gleo. Sostengono la rievocazione - che si articola su un percorso di 220 km punteggiato da 60 prove d'abilità - Enti patrocinatori quali Comune di Varese, Regione Lombardia, Camera di Commercio Varese e Varese Sport Commission. Ammirevole l'impegno da parte del Comune di Porto Ceresio, del Comune di Cadrezzate, oltre all'Associazione varesina di Via Sacco-Via Robbioni.

SPECIALISTI DI CRONO MECCANICI ED ELETTRONICI - Notevole aumento d'iscrizioni di equipaggi dotati di cronometri meccanici: la misurazione del tempo con "cipollotti" meccanici si avvicina alle prime esperienze delle regolarità anni '60-'70 ed è significativa la scelta adottata con un incremento del 100% rispetto al 2016. Le iscrizioni hanno superato quota ottanta: tra loro molti che già si sono segnalati nelle più importanti gare 2017. Quella varesina è valevole per il Tricolore ASI 2017 e per il Criterium "Dagli Appennini alle Alpi". Concorrono alla vittoria equipaggi con auto storiche fino al 1976 accettati dagli organizzatori varesini. Numerose le Porsche al tributo che viene dedicato alla Casa di Stoccarda in sinergia con RIP, Registro Italiano Porsche 911/912: dalle prime 356 anni '50 alla 928 che compie 40 anni.

 

VARESE E I LAGHI ESALTATI DA AUTO D'EPOCA D'ALTA CARATURA - Lancia compie 110 anni e al via troviamo otto diversi modelli: Augusta GS Ghia, Aurelia B10, Appia Zagato GTE, Fulvia Coupé, Stratos, Beta Montecarlo, Beta Coupé, Delta. Jaguar non finisce mai di stupire e nell'esercizio di stile ecco a Varese un poker da favola: SS100, E-Type, XK 140 Ots e C-Type che ha vinto a Le Mans.  Terzetto per Austin Healey con 100 BN2, Frog Eyes e MKII, per MG Magna, A Coupè e B, oltre a Triumph Tr2 Sport, Tr3 e Tr4, oltre ad un ampio ventaglio di Abarth, Alfa Romeo,Bmw, Citroen, Chevrolet, Innocenti, Mercedes, Siata, Sunbeam, ecc. Nella sezione Turistica l'antesignata delle city car, la stupenda Fiat Topolino A, seguita da Bmw Z1 '90, Porsche 356 pre A e da un'Alfa Duetto che ne compie 50 anni.

 

TANTI PREMI IN PALIO: DAL BORINO S ALLE IDROPULITRICI KARCHER, DA PREALPINA AI DONI PREZIOSI L4K3

BorinoS "Ino" solo nel nome! Grande successo per il nuovo BorinoS, lo strumento elettronico per chi gareggia in regolarità che interpreta lo scorrere del tempo, secondo Digitech. Compatto, completo, innovativo nel rispetto della tradizione Digitech, da decenni azienda leader nella progettazione e costruzione di sistemi di cronometraggio. Un apparato completo BorinoS è in palio alla Varese-Campo dei Fiori 2017.

Un dono importante attende gli equipaggi partecipanti: si tratta di tre magnifiche e potenti idropulitrici Karcher, azienda leader mondiale del settore, messe in palio dallo sponsor TD Group di Brunello.

Il Trofeo per Scuderie è offerto dal quotidiano La Prealpina, il giornale nato nel 1888 che mette in palio abbonamenti all'edizione cartacea e online tra i lettori che partecipano al Match Race del sabato sera, al volante delle Renault Paglini.

Anche alle donne in gara sono riservati doni, messi in palio da "L4K3" di Varese che interpreta la moda attraverso nuovi canoni stilistici che traggono ispirazione dalla storica tradizione dei maestri cordai del Lago d’Iseo-Monte Isola.